Putin arruola il ’paria’. Dsk contro i nemici europei

Niente paura, l’Occidente vuole mettere in ginocchio la Federazione russa ma il Cremlino ha un’arma segreta per cercare di tamponare i danni delle sanzioni che “minano la pace”, come il presidente Vladimir Putin ha sottolineato due giorni fa. Anzi, più che un’arma, un uomo. Un superconsulente della finanza mondiale. “Monsieur DSK”.

Leonardo Coen per Il Fatto Quotidiano 13 settembre 2014

Al secolo, il celebre (e discusso) economista francese Dominique Strauss-Kahn, che fu direttore generale del Fondo Monetario Internazionale, carica dalla quale dovette dimettersi nell’estate del 2011 quando venne arrestato a New York, per aver molestato una cameriera del suo albergo. Accusa caduta successivamente, ma ormai lo scandalo gli aveva stroncato la carriera politica (era uno dei leader del partito socialista) e l’ambizione di salire all’Eliseo. Putin, infatti, conterebbe su di lui per riformare l’economia russa e aiutare il Paese a dinamizzare il suo mercato interno. Insomma, una sorta di Grande Rottamatore e Riformatore, per arginare la situazione. Perché se Putin detta le regole del gioco nella crisi ucraina, non altrettanto si può dire del quadro generale economico russo. Il rublo cola a picco, il cambio col dollaro e l’Euro è ai minimi. L’inflazione è al 7 per cento. La Borsa di Mosca boccheggia. Sono sempre più pesanti i segnali di stallo, i primi effetti dell’embargo decretato dall’Ue e dagli Stati Uniti rischiano di innescare situazioni irreversibili. La recessione è in agguato, ormai. Sei i gruppi bancari colpiti dalle sanzioni, a cominciare dalla Sberbank, la maggiore banca statale. Senza contare le restrizioni finanziarie e tecnologiche che riguardano i colossi energetici come Gazprom, Gazpromneft, Lukhoil e Rosneft. I prezzi della frutta vanno alle stelle, il ministro dell’Agricoltura Nikolaij Fiodorov ha appena annunciato che il governo sosterrà il settore con un’iniezione di ben 13 miliardi prelevati dai fondi pubblici, spalmati sino al 2020.

E’ un palliativo. La crescita del Pil russo è prevista attorno all‘0,2 per cento. Le riserve delle imprese russe si assestano sui 400 miliardi di dollari. Il ricorso agli investimenti e ai finanziamenti sui mercati occidentali è ora piuttosto complicato. Un rebus che Putin vorrebbe far risolvere da Strauss-Kahn. Il quale, nel frattempo, ha come avuto una sorta di resurrezione: ha creato, con la figlia Vanessa, una società  di consulenze finanziarie internazionali che si chiama “Parnasse”. Si è associato con un uomo d’affari franco-isrealiano, Thierry Leyne che dispone di una banca d’affari basata a Lussemburgo, con sedi a Bruxelles, Ginevra, Monaco, Casablanca. Il gruppo è stato ribattezzato “Leyne&Strauss-Kahn”. Punto di forza: il riacquistato prestigio dell’ex direttore generale del Fmi che nel 2013 diventa consigliere del governo serbo. Subito dopo, entra nei consigli di due organismi russi: un fondo d’investimento e la Banca russa di Sviluppo delle Regioni, un’istituzione che dipende dal gigante petrolifero Rosneft, il più importante del mondo, oggi sulla lista nera delle sanzioni europee. Soprattutto, una società controllata dal Cremlino.

Putin conterebbe sull’esperienza di DSK per riformare e raddrizzare un’economia febbricitante, messa in grossa difficoltà dall’embargo. Nello stesso tempo, sa che l’azione eventuale di DSK provocherebbe polemiche a non finire: si può aiutare Putin nel momento in cui Bruxelles e Washington cercano di far pressione su di lui, colpendo la Russia nei suoi punti più vulnerabili, ossia uno sgangherato apparato produttivo e un sistema finanziario inadeguato? Per Marc Roche, l’autore del saggio “The Banksters”, è evidente un possibile conflitto d’interessi: un conto è far soldi sfruttando la propria competenza; un altro, aiutare indirettamente la Russia a trovare il modo di scantonare le sanzioni. Bisogna comunque dare atto a Putin di sapere sparigliare le carte in tavola: ne vedremo delle belle, da qui all’inizio del Generale Inverno.

Leonardo Coen per Il Fatto Quotidiano 13 settembre 2014

18/9/2014

GLI ANGELI DI GROZNIJ. NUOVA GENERAZIONE

GLI ANGELI DI GROZNIJ. NUOVA GENERAZIONE

>>>continua

GUERRA IN CECENIA: ERRORI POLITICI E CRIMINI MILITARI. Mosca. 28 novembre 2014

GUERRA IN CECENIA: ERRORI POLITICI E CRIMINI MILITARI. Mosca. 28 novembre 2014

>>>continua

Lettera aperta al sindaco di Mosca Sergej Sobjanin in sostegno di Teatr.doc

Lettera aperta al sindaco di Mosca Sergej Sobjanin in sostegno di Teatr.doc

>>>continua

Putin arruola il ’paria’. Dsk contro i nemici europei

Putin arruola il ’paria’. Dsk contro i nemici europei

>>>continua

Su boicottiamo l’aria! Non respiriamo la stessa aria di Putin!

Su boicottiamo l’aria! Non respiriamo la stessa aria di Putin!

>>>continua