Lettera aperta di ex-collaboratori di «Radio Svoboda-Russia»

Pubblichiamo di seguito la traduzione in italiano della lettera aperta di alcuni ex-collaboratori di «Radio Svoboda-Russia» (Radio Libertà), indirizzata al presidente della società americana «RFERL», Steven Korn, cui fa capo la radio stessa.

Radio Svoboda. Radio Liberty Russia. Licenziamenti.

Egregio Sig. Korn,

lasciando per un attimo da parte le polemiche sulle motivazioni e l’intento della sua riforma subita dalla redazione russa di «Radio Svoboda» (sull’argomento si legga: http://www.interkavkaz.eu/news/radio-liberta-russia-licenziamento-staff-rferl), crediamo sia un suo dovere professionale e umano leggere la dichiarazione che segue.

Tra i collaboratori mandati via sono stati cacciati anche tre nostri colleghi: il redattore del sito di «Radio Svoboda» Aleksej Kusnezov e la coordinatrice dell’ufficio di Mosca Bella Kaloeva, i quali sono da considerare invalidi a causa delle proprie condizioni di salute, e il regista del suono Ekaterina Vysozkaja, madre di tre bambini. Formalmente i tre “d’accordo con la dirigenza” si sono sollevati dall’incarico, ma lo sappiamo tutti che sono stati costretti a lasciare a causa di pressioni morali nei loro confronti.

Siamo convinti che un tale atteggiamento verso persone socialmente svantaggiate e indifese vada contro i principi della società civile e cozzi direttamente contro i valori fondanti (come da statuto) della radio stessa. Crediamo che i contribuenti americani che finanziano le vostre attività, credendo nelle idee della vostra associazione, se sapessero della cacciata di queste persone socialmente deboli smetterebbero di pagarvi.

Per questo motivo chiediamo il chiarimento di ciò che è accaduto a «Radio Svoboda» sia fatto pubblicamente.

 Non ci attendiamo dei ringraziamenti, stiamo cercando di aiutare delle persone in grado di lavorare attivamente per la divulgazione dei principi democratici in Russia e nel mondo. In particolare Aleksej Kusnezov e Bella Kaloeva hanno lavorato a lungo e perso la propria salute per «Radio Svoboda», ed hanno continuato a svolgere le proprie funzioni anche da invalidi in maniera irreprensibile.

Non ci aspettiamo delle scuse, queste non potrebbero mai ripagare i danni morali per le decisioni dei top-manager della società cui fa capo «Radio Svoboda».

Chiediamo il reintegro immediato dei nostri colleghi e siamo pronti a far valere i loro diritti a tutti i livelli, persino presso il Congresso degli Stati Uniti d’America

La lettera è firmata da ex- e attuali collaboratori di «Radio Svoboda».

Vladimir Abarbanel’, giornalista

Venera Abarbanel’, giornalista

Artur Asaf’ev, giornalista

Veronica Bode, giornalista

Ijuri Vasil’ev, giornalista

Elena Vlasenko, giornalista

Danila Gal’perovic, giornalista

Kristina Gorelik, giornalista

Vladimir Dolin, giornalista

Darija Dgarova, giornalista

Anna Kackaeva, giornalista

Vitalij Kamyshev, giornalista

Anastasia Kirilenko, giornalista

Andrej Korolev, giornalista

Elena Kopupaeva, regista del suono

Albina Sancez-Lir, giornalista

Sergej Mulin, giornalista

Dmitrij Nalitov, producer

Aleksandr Orlov-Sokol’skij, regista del suono

Olga Orlova, giornalista

Nadejda Perzeva, giornalista

Marina Petrushko, giornalista

Elena Poliakovskaja, giornalista

Mikhail Sokolov, giornalista

Marina Staune, coordinatrice

Ekaterina Skarjateva, coordinatrice

Tatjana Skorobogatko, giornalista

Dmitrij Starovojtov, giornalista

Nikita Tatarskij, giornalista

Marina Timasheva, giornalista

Ljudmila Telen’, giornalista

Ijuri Timofeev, giornalista

Il’ja Tockin, ingegnere

Ivan Trefilov, giornalista

Andrej Trukhan, giornalista

Elena Fanajlova, giornalista

Ljubov Cijova, giornalista

Mumin Shakirov, giornalista

Mikhail Shevelev, giornalista

6/12/2012
Fabrizio Ossino

GLI ANGELI DI GROZNIJ. NUOVA GENERAZIONE

GLI ANGELI DI GROZNIJ. NUOVA GENERAZIONE

>>>continua

GUERRA IN CECENIA: ERRORI POLITICI E CRIMINI MILITARI. Mosca. 28 novembre 2014

GUERRA IN CECENIA: ERRORI POLITICI E CRIMINI MILITARI. Mosca. 28 novembre 2014

>>>continua

Lettera aperta al sindaco di Mosca Sergej Sobjanin in sostegno di Teatr.doc

Lettera aperta al sindaco di Mosca Sergej Sobjanin in sostegno di Teatr.doc

>>>continua

Putin arruola il ’paria’. Dsk contro i nemici europei

Putin arruola il ’paria’. Dsk contro i nemici europei

>>>continua

Su boicottiamo l’aria! Non respiriamo la stessa aria di Putin!

Su boicottiamo l’aria! Non respiriamo la stessa aria di Putin!

>>>continua